Will(power)

Ho trovato un vecchio articolo che avevo scritto su Will Hunting, e ho deciso di pubblicarlo. A parte la magnificenza (estetica) di Matt Damon, ho iniziato a pensare a will e ai suoi suoi amici.

m.jpg

Il protagonista del film è un ragazzo un po’ perso nella sua vita difficile ma molto intelligente, infatti solo lui tra i suoi amici riesce, almeno per quello che vediamo, a cambiare vita, grazie alle sue capacità. Il suo è un dono innato, è stato benedetto da un Dio qualsiasi.

E gli altri? Non si meritano di andarsene dalla città? Di rifarsi una vita, dopo aver lavorato sodo? Loro vorrebbero ma non possono, perché? Perché non hanno un gran cervello, infatti la verità è che, anche se si lavora sodo nella vita, si può comunque restare imprigionati, eppure anche gli amici di Will sarebbero meritevoli di rifarsi una vita.

good-will-hunting.jpg

Ho sempre pensato che, se avessi tenuto duro, allora sarei riuscita a combinare qualcosa, a fare la scrittrice e a condividere le mie idee… Sono ancora all’inizio, non ho motivi per arrendermi ma ora sto valutando l’ipotesi di non poter spiccare il volo, di dover comunque restare in questo stupido angolo di mondo, come gli amici del protagonista del film, che non importa quanto si sforzino, il film non concede loro nemmeno un qualche approfondimento psicologico. Io mi sento sempre come l’amica dei protagonisti, quella che deve assistere alla vita felice di chi è stato prescelto. Non ho intenzione di fare la vittima o la tragica, so di essere molto fortunata, è solo una sensazione che esiste e non ci posso fare nulla. Non ho mai avuto la mia storia, la mia parte di felicità a cui gli altri devono assistere, ci ho provato certo, e mi stava quasi per essere concessa ma forse mi era stata data per errore, forse per prova e poi Dio ha deciso che non era il mio destino. Basta essere il miglior amico di Will, io voglio essere Will. Direi che non solo “l’amore è un film in testa visto dall’ultima fila”, a me sembra tutto una sorta di miraggio, e questo è spaventoso. 

Poi però, ripensandoci, forse anche gli amici del protagonista troveranno il loro posto nel mondo, magari saranno felici e la loro vita sarà completa: forse, grazie alla loro forza di volontà arriveranno esattamente dove vogliono, con grande impegno, e quella felicità se la guadagneranno. Allora il lieto, anche se effimero fine, sarà più bello da conquistare.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s